martedì 8 marzo 2011

Se l'8 marzo potesse essere tutti i giorni dell'anno...


In omaggio alle donne, quelle giovani che sono sulla buona strada per comprendere che cosa significa nascere tali e quelle non più giovani che, forse, ancora non lo hanno imparato...



alle madri che si sono sempre sentite tali e a quelle che hanno dovuto faticare o che lo sono diventate per caso ma sono comunque riuscite a farsi amare...



alle donne che conosco e che ammiro, a quelle che mi stimano e a quelle che non conoscerò mai, anche se avrei voluto.



Infine, a mio padre... che compiva gli anni nel giorno della "festa della donna" e regalava la mimosa a me, a mia sorella e a nostra madre, anche se non viveva più con noi.



Dedico a tutte le donne ma soprattutto agli uomini che amo, questo scritto di una persona meravigliosa (con la speranza che possiamo vivere una festa ogni singolo giorno dell'anno...):



Donna



Tieni sempre presente che la pelle fa le rughe,

i capelli diventano bianchi,

i giorni si trasformano in anni….

Però ciò che è importante non cambia;

la tua forza e la tua convinzione non hanno età.

Il tuo spirito è a colla di qualsiasi tela di ragno.

Dietro ogni linea di arrivo c`e` una linea di partenza.

Dietro ogni successo c`e` un'altra delusione.

Fino a quando sei viva, sentiti viva.

Se ti manca ciò che facevi, torna a farlo.

Non vivere di foto ingiallite…

insisti anche se tutti si aspettano che abbandoni.

Non lasciare che si arrugginisca il ferro che c`e` in te.

Fai in modo che invece che compassione, ti portino rispetto.

Quando a causa degli anni non potrai correre, cammina veloce.

Quando non potrai camminare veloce, cammina.

Quando non potrai camminare, usa il bastone.

Però non trattenerti mai!!!




Madre Teresa di Calcutta

Nessun commento:

Posta un commento