mercoledì 20 marzo 2013

Abito dentro te

Con molto piacere, vi invito a leggere la recensione appena ricevuta dal Blog "Passione Lettura" per una mia poesia che partecipa anche al loro Concorso e se vi va, di commentarla.





venerdì 15 marzo 2013

Festeggiamo insieme!

Carissimi amici, ho raggiunto i 500 MI PIACE sulla mia pagina Facebook ed ho organizzato un evento, con diversi regali, per festeggiare... siete tutti invitati!



giovedì 14 marzo 2013

Premio Liebster


PREMIO LIEBSTER AWARD







E' con orgoglio che pubblico questo post nel mio blog, per ringraziare le blogger Laura Bellini (Il volo della fantasia) e Linda Bertasi (Linda Bertasi Blog) per aver premiato il mio spazio dedicato agli esordienti e al piacere della lettura.
In cosa consiste il premio? 'Liebster award' è stato ideato in Germania per sostenere i blog meritevoli con meno di 200 followers. 
Di seguito riporterò le 11 domande poste da Laura e da Linda, le mie risposte, 11 curiosità su di me, i blog che considero 'meritevoli di ricevere il PREMIO' e le 11 domande a cui dovranno rispondere a loro volta questi blog.
E' semplicissimo, facile e divertente! INIZIAMO! 


11 DOMANDE DEL BLOG "Il volo della fantasia" di Laura Bellini:

1) Domanda classica: quale libro porti nel cuore?
Risposta altrettanto classica... "Piccole donne"!

2) Se potessi incontrare un autore, vivo o morto, chi sarebbe e cosa vorresti dirgli?
Sicuramente, Giorgio Faletti, per conversare di scrittura, di stile, di arte... per sorridere con lui e ringraziarlo di avere creato "Io uccido".

3) La frase più bella di un romanzo che hai letto?
Purtroppo per me, non ho memoria, quindi tendo a dimenticare tutto quanto leggo... molto in fretta. :-(

4) Uno scrittore di cui non comprendi il successo?
Non è elegante fare dei nomi ma ne ho in mente uno ed è italiano...

5) Quali sono le sensazioni che ti regala un buon romanzo?
Mi cattura, mi emoziona e mi aiuta ad evadere per un pò dalle brutture quotidiane della vita.

6) Quali gli ingredienti di un libro perfetto?
Per me, un libro perfetto deve essere scorrevole, intrigante e appassionante.

7) Leggi esordienti?
Leggo tutto ciò che mi attrae, indipendentemente da chi lo ha scritto.

8) I libri che porteresti su un isola deserta? (non più di dieci)
Non per ripetermi ma "Io uccido", "Piccole donne" la biografia di Teo Teocoli, "Io ballo da solo" e probabilmente, "Dietro la cortina di seta".

9) Come vedi il rapporto libri/cinema?
Difficile... nel senso che se ho letto un libro e mi è piaciuto, sarò molto critica nei confronti del film che ne sarà tratto. In caso contrario, non so se leggerei il libro.

10) Lieto fine, finale struggente o fine aperta?
Dipende dalla storia e dal genere.

11) Qual è la cosa che ti fa decidere sull'acquisto di un libro?
Il riassunto della "trama" e la copertina, che deve essere piuttosto intrigante.



11 DOMANDE DEL BLOG "Linda Bertasi Blog" di Linda Bertasi:


1.   Qual è il libro le cui parole riecheggiano ancora dentro di te?
"Dietro la cortina di seta" di James Brady

2.   Quale personaggio è entrato nei tuoi sogni la notte?
Nessuno... o meglio, non dei personaggi non creati da me

3.   Qual è l'ambientazione che più ti ha rapito?
Mi lascio rapire molto più facilmente da un personaggio che da un'ambientazione... ahimè, sarà uno dei miei limiti?!

4.   Il libro che ti ha scioccato?
"Niente di vero tranne gli occhi" di Giorgio Faletti, per una come me che non guarda e non aveva mai letto - prima di "Io uccido" - di thriller... è stato molto difficile!

5.   Il miglior incipit?
"Orgoglio e pregiudizio" di Jane Austin

6.   Il miglior finale?
Quello del prossimo libro che leggerò? Non saprei, davvero... quello che mi convince ma mi permette ancora di sognare.

7.   Il primo libro che hai letto?
Non ricordo, presumo fosse un libro di avventure, ne andavo matta da bambina!

8.   Devi salvare uno solo dei romanzi della tua libreria, quale scegli?
Nooooooooooooooooooooooo... non risponderò nemmeno sotto tortura!

9.   L'autore di cui non puoi proprio fare a meno?
Ho già scritto più volte che leggo tutto ciò che mi attrae, non sono legata ad un autore piuttosto che a un altro, farei torto a troppi scrittori!

10. Il libro più breve in assoluto che hai letto?
Credo "Manuale del guerriero della luce" di Paulo Coelho

11. Il libro che ti ha cambiato la vita?
Purtroppo o per fortuna, non esiste


11 CURIOSITA' SU DI ME:

1.   Sono un'ottima cuoca
2.   Detesto i numeri e tutto ciò che ha a che fare con i conti
3.   Sono irrimediabilmente innamorata del mio cane
4.   Non ho mai avuto buona memoria
5.   Amo vivere l'atmosfera di un concerto dal vivo
6.   Sono Bilancia ascendente Bilancia
7.   Sono identica a mio padre, fisicamente ed interiormente
8.   Ho un'amica del cuore da 36 anni
9.   Ho tre nipoti nell'anima
10. Adoro la pioggia
11. Considero l'autunno la stagione perfetta

11 BLOG PREMIATI:

1.   Il Giornale di Roberto B.
2.   Il salotto di Simo
3.   Il Blog di Elisabetta Bagli
4.   Espressione Libri
5.   Il mondo dello scrittore
6.   Lettrice compulsiva - La rubrica di Antonietta
7.   Non riesco a saziarmi di libri
8.   Le finestre dei pensieri
9.   Nadia Boccacci
10. Opinions on Books di Andrea Leonelli
11. Sussurri di parole

Ecco cosa dovranno fare i blog sopra elencati:
- Ringraziare i blog che ti hanno assegnato il premio citandoli nel post
- Rispondere alle undici domande poste dal blog stesso
- Scrivere undici cose su di te
- Premiare, a tua volta, undici blog con meno di 200 followers
- Formulare altre undici domande a cui gli altri blogger dovranno rispondere
- Informare i blogger del premio assegnato.

LE MIE 11 DOMANDE:

1.   Scrivi di un genere soltanto o ti cimenti in più generi?
2.   Se hai scelto di scrivere di un solo genere, ci spieghi perché?
3.   Se avessi potuto scrivere un libro di successo, quale sarebbe?
4.   Quali caratteristiche bisognerebbe avere, secondo te, per potersi definire "scrittore"?
5.   Giornalista o scrittore... meglio la prima o la seconda professione?
6.   Se potessi riportare in vita uno scrittore del passato, chi sceglieresti?
7.   Esiste uno dei personaggi creati da te di cui potresti innamorarti?
8.   Se sì, ci racconti perché?
9.   Chi ringrazieresti se vincessi un riconoscimento famoso e chi no?
10. Pensi mai di smettere di scrivere?
11. C'è uno scrittore esordiente/emergente che ammiri in modo particolare?


BUON DIVERTIMENTO e grazie ancora a chi mi ha regalato un voto!
Roxie

lunedì 11 marzo 2013

Piccola recensione (la mia prima volta!)

Ho appena terminato di leggere "Baci di dama", di Michela Piazza, uno dei racconti selezionati e quindi pubblicati nell'antologia "Impronte d'amore, in cui mi pregio di essere presente con il mio "Non so dirti di no".
Sono stata piacevolmente colpita dall'argomento trattato, l'amore in un'età adulta o meglio, le emozioni solitamente vissute in altri periodi della vita, quelle che siamo abituati ad associare ai giovani, agli adolescenti e che, invece (sono d'accordo con l'autrice), possono veramente pioverti addosso quando meno te lo aspetti... in qualsiasi momento del percorso terreno tu stia attraversando!
Brava, Michela... hai partorito un'idea originale (che non svelo per non togliervi il piacere di acquistare l'antologia e di leggerla, scoprendolo da soli...) e l'hai sviluppata con delicatezza, rivelando a chi non lo sapesse o non volesse ammetterlo, che l'amore esiste per tutti e che in qualsiasi momento ci si voglia aprire ad esso, può sconvolgerci l'esistenza e ci hai dato modo di pensare positivo. Ne abbiamo un immenso bisogno!

lunedì 4 marzo 2013

Intervista a Gastone Cappelloni



Oggi è con noi lo scrittore Gastone Cappelloni.
Benvenuto, Gastone!
Raccontaci chi sei e come è nata, in te, la voglia di scrivere.

Gastone Cappelloni
Cinquantacinque anni, sono nato e vivo a Sant’Angelo in Vado, in provincia di Pesaro e Urbino, paese di quattromila anime, ai piedi dell’Appennino Marchigiano, quinto di sei figli. Ho Iniziato a lavorare all’età di quattordici anni, in fabbrica, tipografia e proseguendo in un magazzino tessile fino al conseguimento della pensione, anche se raggiunta in, diciamo, giovane età, per motivi di salute. Voglia di Poesia, parola affascinante, nel cammino che intraprendiamo, nell’età primordiale. Tutti si nasce artisti; con la penna delle emozioni, nel taschino del cuore, chi non ha mai scritto, o interpretato il dolce racconto della propria vita? In noi il viaggio perpetuo di dolce, turbamento, ecco, noi saremo il tramite delle emozioni che amiamo, che ci invitano a farle rivivere. La voglia di scrivere, il pane della mia stessa esistenza, senza scrivere, e senza emozionarmi è vita a rendere, confinato nei tramonti che non mi apparterrebbero. La scrittura è il mondo che mi permette di respirarmi, senza domandarmi chi sarei. Amo scrivere, e confrontarmi con me stesso, ecco perché la scrittura per me è importante. E’ il non ripetere certi banali errori, confrontarsi chi sono, e perché lo sarei!

Petali di clessidra
La tua più recente pubblicazione è “Petali di clessidra”. Ce ne parli?

Il mio ultimo lavoro, “Petali di Clessidra” è il proseguimento di un viaggio introspettivo, iniziato con i precedenti volumi, un nuovo frammento di storie vissute all’ombra della vita stessa, analizzandomi e mettendomi in gioco, con le verità che appartengono all’intensità delle passioni, le mie. Ironico, indisponente, dissacratore, in me un concentrato forse, di cattiveria, ovviamente benevola, dove i valori sono la panacea predominante dello stesso lavoro. Indago, accuso, irrido, sempre nel rispetto di chi, come me, non ama dare consigli o accusare, ma non vuol dimenticarsi di essere vita, vivendo con accanto nell’imprescindibilità degli stessi valori. Poi, il titolo, è un inno a farci comprendere la bellezza della nostra esistenza. Poi, il titolo, sta in leggerezza di vita, goduta nel pieno dello stesso rispetto, che è la clessidra del tempo e ci ricorda di questa vita appena percettibile, forse lunga, ma subito alla fine.

Cosa suggeriresti ad un giovane che si accingesse a tentare la strada della scrittura?

Quale consiglio? Nessuno, solo di essere se stesso, non inseguire facili successi, o stravolgimenti caratteriali, solo per essere un numero senza valore l’arte della scrittura è in ognuno, sarà sufficiente amarla, dividerci gli umori, gli spazi, e soprattutto raccontarsi, in modo esaustivo, e sapete perché? Quando scriviamo, apparteniamo, di riflesso, agli altri. Gli altri sono noi stessi. Il fascino dello scrivere è il compimento del percorso che abbiamo alle spalle, anche se presente. Dico ai giovani, amate il bello della vita, cingetevi le emozioni di piacevoli avventure, i sogni vi appartengono, fate in modo che si realizzino con la realtà giornaliera. Siate qualità, non quantità. I giovani sono il futuro, in loro l’essenza di positivo proseguimento.

Progetti per il futuro?

Vivo la quotidianità ripensando a chi sono, in quale porto della vita, mi sono consacrato con la ricerca di essere l’Io. Di esistere in punta di fioretto. Non apparendo in modo appariscente, mi sono sempre soffermato a spiegarmi per quale motivo inseguire il “domani della stessa vita?” Dei giorni, se gli stessi non mi apparterranno. Sono fortunato, e realizzato per essere ancora in vita, grazie a quei valori che mi permetteranno di oltrepassare il muro del futuro stesso. A volte ci dimentichiamo di stare seduti al tavolo della vita, senza le dovute riflessioni, noi puntini senza futuro, nell’universo del mondo che dovremo vivere appieno. Nel prossimo futuro, spero di poter emozionare ancora i miei lettori, e quanti mi vorranno leggere, con l’ambizione nel voler trasmettere spaccati di vita vissuta, e da vivere, nel rispetto di chi ha perso il piacere di gridare a se stesso con orgoglio e dignità, che esiste!

Grazie per essere stato mio ospite, in bocca al lupo per tutto!
Roxie

(Ricordo a chiunque volesse avere il suo spazio/intervista su questa stessa pagina che mi può scrivere a: info@roxieplace.com)


domenica 3 marzo 2013

Il debutto di "Una favola per Asia"


Ieri sera, in quel della mia amata Milano, città che sfortunatamente non mi ha dato i natali ma dove, da sempre, mi sento esattamente a casa... si è svolta la prima presentazione del mio ultimo romanzo "Una favola per Asia".
Voglio ringraziare lo squisito padrone di casa, Elvio Ravasio della Legatoria Borghi, che mi ha anche fatto da relatore e tutti gli amici che hanno arricchito la serata con la loro affettuosa presenza, così come le altre persone presenti.
E' stato emozionante raccontare qualcosa di me ma soprattutto di questa "creatura", che ha visto la luce da poco ma che è nata, nella mia testa e nel cuore, una ventina di anni fa... quando ancora non sapevo cosa significasse avere dei nipoti ma, profeticamente, raccontavo di un bellissimo rapporto fra una zia ed una nipotina veramente speciali!
Ringrazio ancora la piccola Camilla, splendida modella sulla copertina del romanzo, i suoi genitori che hanno acconsentito affinché posasse per crearla e colui che ha saputo coglierne l'incanto della posa che è stato successivamente trasformato nella copertina stessa, il fotografo Maurizio Parietti.
Un grazie di cuore a chi mi ama ed anche a chi non mi ama, perché con la sua negatività mi è stato di esempio per comprendere come non vorrei mai essere e mi ha dato maggiore forza per continuare su questo cammino editoriale. Un percorso difficile, seminato di ostacoli più o meno alti da superare ma anche di centinaia di piccole, meravigliose, enormi soddisfazioni!

Lost in a real good Book di Charlotte Dickens: Rossana Lozzio - Un pubblico di stelle... sorride

Una nuova recensione per "Un pubblico di stelle... sorride"